Mbt Men&S Nafasi

Nel corso del ventennio fascista l’importanza dei carri armati aumentò, nonostante l’ostruzionismo della cavalleria classica. Le prime importanti esperienze in battaglia avvennero in Etiopia e in Spagna. In particolare nella penisola iberica, a Guadalajara, i nostri carri L3 si scontrarono contro i carri russi, nettamente superiori.

Contemporaneamente erano stati effettuati studi sullo stesso problema in Unione Sovietica, e gia nel 1970 venne messo in servizio il veicolo BMD, aviotrasportatile, subito seguito dal BMP 1 che ha dato origine ad una serie di veicoli (BMP 2 e BMP 3) validi ancora oggi. Nel campo dei veicoli ruotati furono prodotti i BTR 40 (4×4) entrati in servizio nel 1951 ed i BTR 60 (8×8) (questi ultimi con una buona profilatura balistica della blindatura) entrati in servizio all degli anni sessanta quasi in contemporanea con i BMD ed i BMP. Al momento della loro apparizione, tutti questi mezzi risultavano quasi rivoluzionari: erano tutti anfibi, tutti permettevano l delle armi individuali da parte dei fanti trasportati rimanendo protetti dalla blindatura dei mezzi utilizzando apposite feritoie ricavate direttamente nel vano trasporto e nella relativa corazzatura, tutti erano dotati di armamenti molto più potenti dei corrispettivi mezzi occidentali per poterli impegnare lasciando ai cannoni dei propri MBT il compito di ingaggiare solo i carri avversari..

Il nuovo punto vendita, secondo in Italia dopo Caorle, entra di diritto a far parte della eccellente distribuzione sviluppata dalla Masai Italia srl. L’attività iniziata solo quattro anni fa in Italia, ha raggiunto oggi una rete che copre negozi di calzature, abbigliamento, concept store, farmacie per un totale complessivo di oltre 250 selezionati punti vendita. I numeri parlano chiaro: 2 milioni le paia vendute nelle 32 filiali dislocate in tutto il mondo..

Il T 14 è armato con un cannone ad anima liscia 2A82 1M da 125 millimetri (evoluzione del 2A46M del T 90) che può sparare munizioni ad alta potenza tra cui proiettili perforanti, missili guidati ed ogni tipo di munizione pesante russa progettata per gli MBT. Secondo le stime russe, il cannone 2A82, ritenuto in grado di colpire un bersaglio ad 8 km, conferisce una maggiore energia cinetica rispetto al Rheinmetall dal 120mm del Leopard 2. Automatizzato anche il caricamento dei 32 colpi trasportati internamente.

Gli amici hanno voluto ricordarlo anche con una fotografia in cui solleva trionfante la sua mountain bike racconta ancora il padre di Simone l’hanno appesa in un altro dei posti preferiti di mio figlio che era lo Spuntone. A Gallicano poi il Giovo Team Torpado ha organizzato il primo trofeo ciclocross “Simone Pardini” e a vincere, nella categoria Under 23, è stato proprio Nicola Parenti, il ragazzo che il giorno dell’incidente stava pedalando insieme a Simone. Ora, nei pensieri di Roberto, c’è l’idea di pianificare una cronoscalata del monte Faeta dedicata a Simo.

Lascia un commento