Mbt 5252 Datasheet

Camminare fa bene. Lo sentiamo affermarein continuazioneda dottori e specialisti. Ogni giorno dovremmo fare circa 10.000 passi per stare in forma. Cominciando con il sottolineare come, nonostante la politica nazionale di occasionale collaborazione con l’Occidente, la Svezia ci tenesse a qualificarsi come entità neutrale, ed in caso di guerra termonucleare globale avrebbe costituito un bersaglio di secondaria importanza, anche e soprattutto per l’abbandono, dovuto a mancanza di fondi, di un programma per l’acquisizione di armi atomiche di distruzione su larga scala. Ciò aveva radici profonde nella politica di quel paese, che dopo la drammatica riduzione della sua popolazione dovuta ai tragici eventi delle guerre napoleoniche, aveva saputo guadagnarsi una classe politica che non sentiva più il bisogno di affermarsi in campo internazionale con l’uso delle armi, tanto che a partire dalla guerra in Crimea del 1856, il governo di Stoccolma iniziò a rifiutarsi di assistere sul campo di battaglia il suo alleato storico, la Russia. Durante la prima guerra mondiale, questo paese più compatto che mai diede la stessa risposta alla Germania, suo fondamentale partner commerciale e addirittura nel 1914, quando i russi occuparono abusivamente le isole land per collocarvi una base di sommergibili, non venne attuato alcun tipo di rappresaglia o controbattuta, fatta esclusione per una protesta formale al termine del conflitto, rivolta alla neonata Società delle Nazioni.

Itinerario che sale da Predaia fino alla Malga Coredo Vecia, dislivello di 500 metri da coprirsi in 12 km attraverso boschi e prati molto estesi. Dal parcheggio di Baita 7 Larici (metri 1100) si prende per rifugio Predaia passando per rifugio Sores fino a giungere al Predaia, km 5 metri 1440. La nuova direzione da seguire Malga Rodeza e poi Malga Coredo.

Il visore, montato sul tetto della torretta, ha una rotazione di 360 gradi, ed un da 10 a +60 gradi. Il sistema di trasmissione automatica, prodotto su licenza della compagnia tedesca ZF, ha quattro marce avanti e due indietro, e incorpora il sistema di sterzata e il ritardatore idraulico. Il sistema di trazione è concepito su sette doppie ruote stradali a profili gommati, più quattro rulli di richiamo su ogni lato, con cingoli a doppio perno disegnati dalla tedesca Diehl.

Da Coredo (metri 830) si parte per questo itinerario di venti chilometri attraverso il Santuario di San Romedio e la selvaggia Val Verdes. Si sale leggermente a Tavon (km 2, metri 860) per scendere (inizia lo sterrato) al Santuario (metri 735, km 4.3): qui, intorno all’anno 1000 Romedio, giunto per visitare i luoghi di sacrificio di alcuni missionari cristiani, rimase colpito da tanta devozione e decise di ritirarsi in eremitaggio. Nel momento della sua morte fu edificata una cappelletta attorno alla quale ne furono costruite altre: il risultato una costruzione ardita, unica in Europa..

Lascia un commento