Mbt 2000 Vs Leopard 2

Dalla Corea all’Africa orientale il passo è stato breve. E comodo. All’ingegnere svizzero Karl Muller è bastato seguire le orme dei Masai, la popolazione africana di stirpe e lingua nilo camitica che vive tra il Kenia e la Tanzania. I released my finger from the trigger. And then it was over. To make any kind of sense of it, I need to go back three years.

La paziente a distanza di 10 giorni ha ripreso a parlare molto meglio (anche se con voce bassa), non ha grandi difficolt o solo con alcune parole e anche la memoria va meglio comincia ricordare gli eventi del giorno prima l’unica cosa che molto altalenante il ricordo del giorno e dell’anno. Per quanto riguarda il motorio non ha paresi o lesioni ma ha difficolt a camminare se non sorretta, ha un calo del tono muscolare sia braccia che gambe anche se le muove, ha un p di difficolt nella coordinazione (anche se mangia da sola ma un p si sbrodola e non riesce a compiere bene movimenti fini) , fa passi con fatica, ha l’occhio sinistro divergente e che non riesce a seguire bene il movimento con lo stesso, si stanca molto facilmente. Ora in clinica riabilitativa da 2 giorni per la riabilitazione neuromotoria e cardiaca e il neurologo che l’ha vista ha detto che riuscira a riprendersi completamente anche se non si sono espressi sui tempi.

In questo modo si poteva comandare il movimento semplicemente regolando la velocità dei due motori elettrici. Il motore era fornito di un dispositivo di guado (snorkel) che ne permetteva il movimento sotto il livello dell (fino ad una profondità di 8 m) senza preparazione. La protezione frontale della torretta era assicurata da una singola piastra di 93mm di spessore, calandrata come quella della torretta del Tiger I, mentre la protezione posteriore era assicurata da una piastra di spessore minore, ma leggermente inclinata.

Non sono soggetti al registro e quindi ai contingenti prefissati, gli impianti a biogas di potenza fino a 100 kWe e alimentati a biomasse fino a 200 kW, impianti quindi che potranno liberamente accedere alla tariffa incentivante;i contingenti annui di potenza fissati, entro i quali è consentito l’accesso ai meccanismi di incentivazione, sono per biogas, biomasse, biogas da discarica, bioliquidi 170 MW per il 2013, 160 per il 2014, 160 per il 2015;tra i principali criteri di priorità utilizzati per le graduatorie di accesso al contingente sono previsti al primo posto gli impianti di proprietà di aziende agricole, singole e associate, alimentate da biomasse e biogas con matrici costituite da prodotti e sottoprodotti, con potenza non superiore ai 600 kW;per biomasse e biogas sono definite quattro diverse tipologie di matrici per alimentare gli impianti: prodotti di origine biologica (colture dedicate), sottoprodotti di origine biologica, rifiuti con frazione biodegradabile determinata, rifiuti non provenienti da raccolta differenziata. Le tariffe base più alte sono assegnate ai sottoprodotti;possono essere considerati nel novero degli impianti alimentati a sottoprodotti anche quelli che utilizzano prodotti fino al 30% in peso;alla tariffa base si aggiungono alcuni bonus per cogenerazione ad alto rendimento, recupero dell’azoto (biogas), riduzione gas serra ed emissioni in atmosfera (biomasse);le tabelle degli incentivi premiano maggiormente gli impianti di potenza inferiore, alimentati a biomasse. Per questi impianti sarà applicata la precedente tariffa omnicomprensiva decurtata del 3% per ogni mese.

Lascia un commento