Mbt 1912 Fi Ariston

TREVISO. Nella Marca il settore della produzione legato all’auto conta oltre cento aziende, 2mila addetti e un giro d’affari che buca la soglia dei 500 milioni di euro. Una piccola Mirafiori del Nordest messa a dura prova dal crollo delle vendite delle quattro ruote e che a differenza della Fiat, in molti casi, non vedrà il becco di un quattrino.

Oggi il nome di quella popolazione ritorna nell’acronimo della scarpa brevettata da Muller, la Mbt (Masai Barefoot Technology), che con la rivoluzionaria suola curva stimola in modo continuo la postura, permette un movimento costante del corpo, preserva i muscoli e le articolazioni, e piace: in tutto il mondo ogni anno se ne vendono 2 milioni di paia. La suola è multistrato: uno rigido che è a contatto con il piede, uno intermedio che funziona da area di bilanciamento, uno esterno a contatto con il terreno, in diversi profili. La suola intermedia incorpora il Masai Senior, una sorta di cuscinetto che riproduce gli effetti della camminata sulla sabbia e crea quell’instabilità che costringe il corpo a bilanciarsi con un movimento muscolare..

Il compito richiesto al bambino è di ascoltare attentamente le non parole e di ripeterle così come sono state pronunciate dall’esaminatore. Il punteggio considerato in questa prova è rappresentato dal numero totale di ripetizioni corrette effettuate da ogni bambino, assegnando un punto ad ogni parola correttamente ripetuta.Le prove di span, verbale, visivo e spaziale, offrono invece una misura della capacità di ritenzione nel breve termine del materiale proposto.La prova di span verbale è composta di sei liste di parole che si differenziano in base a tre parametri: frequenza d’uso delle parole, lunghezza e somiglianza fonologica. Adeguati confronti tra queste liste permettono la valutazione anche di alcuni effetti testimoniati in letteratura che caratterizzano la funzionalità del processamento a breve termine, ovvero l'”effetto somiglianza”, l'”effetto di lunghezza” e l”effetto frequenza”.

Sul Monte Bondone, l TM Alpe di Trento , i percorsi per la mountain bike sono numerosi grazie alla presenza di una articolata rete di strade forestali su ogni versante della montagna: questo itinerario tocca tutti i versanti, offrendo una variet di panoramiche e ambienti davvero completa e propone inoltre la salita dalla citt, una scalata entrata nella storia del Giro d TMItalia dopo la leggendaria tappa del 1956 vinta sotto la neve (in giugno!) dal grande campione Charlie Gaul. Sono possibili inoltre diverse alternative per rientrare a Trento. Ai piedi del Doss Trento, il parcheggio del piazzale delle Divisioni Alpine lungo l TMex statale 12 della Gardesana occidentale il punto di partenza: imboccata via Brescia dopo un centinaio di metri si gira a sinistra all TMaltezza della Ca TM dei Gai per imboccare una erta salita sull TMantica.

Lascia un commento