Armored Warfare Russian Mbt

Un tuffo dove l’acqua è più blu, poi via ad asciugarsi sotto ai subwoofer. Costume tattico, cappello di paglia, drink guarnito con l’ombrellino, estate in faccia: domenica bollente al Florida di Ghedi, dove tutta la giornata (dalle 14 a mezzanotte) Electronic Barbecue surriscalderà l’atmosfera con bassi arroganti e viaggioni techno, ciliegina sulla torta di una super festa stile Animal House aggiornato all’era dell’ultradigitale. Fra galleggianti, salviettoni e un pizzico di follia, in consolle ci saranno vari dj sciamani.

Contemporaneamente erano stati effettuati studi sullo stesso problema in Unione Sovietica, e gia nel 1970 venne messo in servizio il veicolo BMD, aviotrasportatile, subito seguito dal BMP 1 che ha dato origine ad una serie di veicoli (BMP 2 e BMP 3) validi ancora oggi. Nel campo dei veicoli ruotati furono prodotti i BTR 40 (4×4) entrati in servizio nel 1951 ed i BTR 60 (8×8) (questi ultimi con una buona profilatura balistica della blindatura) entrati in servizio all degli anni sessanta quasi in contemporanea con i BMD ed i BMP. Al momento della loro apparizione, tutti questi mezzi risultavano quasi rivoluzionari: erano tutti anfibi, tutti permettevano l delle armi individuali da parte dei fanti trasportati rimanendo protetti dalla blindatura dei mezzi utilizzando apposite feritoie ricavate direttamente nel vano trasporto e nella relativa corazzatura, tutti erano dotati di armamenti molto più potenti dei corrispettivi mezzi occidentali per poterli impegnare lasciando ai cannoni dei propri MBT il compito di ingaggiare solo i carri avversari..

Un dispositif pilote de psychothrapie inspire des thrapies bases sur la mentalisationDclaration de liens d TMintrtsL’Encphale, Paris. Publi par Elsevier Masson SAS. Tous droits rservs. Molti runner ultraquarantenni ricorderanno la rivoluzione rappresentata da MBT negli anni Molto prima del di Vibram e della tendenza “maxi”, partita con Hoka, che hanno caratterizzato il mercato delle scarpe da running negli ultimi 10 o 15 anni, il marchio fondato da un ingegnere svizzero di nome Karl Muller, cominci a parlare dell dell dei piedi e della qualit dell per il benessere generale del corpo. Cre una generazione di scarpe, le MBT il cui acronimo letteralmente significa Masai Barefoot Technology, lanciando una nuova filosofia di camminata e di corsa. Si tratta di scarpe con suole spesse e con forme che oggi definiremmo ossia arrotondante, per creare una piattaforma per stimolare l del piede e la propriocettivit Oggi quel concetto presente in molte delle scarpe “maxi” delle marche pi note, segno che Karl Muller aveva centrato l >.

Lascia un commento